Toosh. L’eco Shatoosh da avere addosso

Con l’arrivo dei primi freddi, la voglia di avere qualcosa di caldo, morbido, leggero come una piuma, intorno al collo ha messo in moto i miei neuroni fino a quando non ho trovato la stola dei sogni. Toosh, identico a uno  shatoosh per  caratteristiche di qualità, misura, peso e sofficità, oltre alla fattura artigianale tipica della manodopera indiana e nepalese. Un classico, diventato un vero e proprio oggetto del desiderio. La collezione si sviluppa in tre differenti armature di stole, tutte in 100% cashmere. Si va dal twill la qualità più pesante, con armatura fitta e ideale per le giornate più fredde, passando per la garza, leggermente più rada, perfetta per le mezze stagioni, fino al voile, leggero e delicato, molto apprezzato per la sua eleganza e leggiadria, un’affascinante “nuvola di cashmere”. Anche Michelle Obama è una addicted di Toosh, che indossa durante i suoi spostamenti su Airforce one. Avendo anche io aspirazioni da First Lady, non ho potuto rinunciare all’acquisto. Anche Beatrice Borromeo e Pierre Casiraghi hanno scelto le morbide stole di Toosh come regalo per gli ospiti del loro matrimonio . L’unico problema è la scelta: Toosh vanta una quantità infinita di tinte unite e, ogni stagione, elabora nuove fantasie. Andate in Vivaio 4 e fatevi sedurre. Buono shopping!

Brano consigliato durante la lettura: “Baby it’s cold outside” Idina Menzel Michael Bublè

info: Toosh  Via Vivaio 4 Milano +39 02 79 60 37  da lunerdi a venerdì dalle 9,30 alle 18

Instagram: @tooshscarves

IMG - TOOSH 1

Michelle Obama indossa Toosh

Michelle Obama indossa Toosh

Lapo-Elkann-ammirando-la-sciarpa-di-TOOSH

Lapo Elkann e Toosh al matrimonio di Beatrice Borromeo e Pierre Casiraghi

Share this article now!

You May Also Like