Risotto alla Milanese con foglia d’oro. Ricetta di Gualtiero Marchesi

 Ho frequentato l’Accademia Marchesi, dove l’eccellenza della cucina del Maestro si sposa con la  semplicità. Questa è la versione Marchesi del Risotto alla Milanese.

Ingredienti:
320g di Riso Carnaroli ( io uso il Carnaroli di Riserva San Massimo)
80g di burro
15g di cipolla tritata
100ml di vino bianco
½ g di stimmi di zafferano
1 dl di brodo di carne leggero ( preparatelo con: carote, sedano, cipolla e qualche pezzettino di gallina)
30g di Parmigiano reggiano grattugiato
4 fogli di oro alimentare 24K

Procedimento:
Preparare il burro acido, invenzione del Maestro, con cui mantecherete il risotto; far appassire la cipolla tritata con 10gr di burro, bagnare con il vino e far ridurre della metà, togliere dal fuoco ed emulsionare con 50g di burro a temperatura ambiente. Filtrare con un colino e far raffreddare.

Tostare il riso in una casseruola larga, meglio una padella per circa due minuti. Se avete pentole antiaderenti potete anche non aggiungere i restanti 20 gr di burro, il Maestro preferisce così, ad esempio. Bagnare a più riprese con il brodo caldo ( il riso non deve cambiare temperatura!!!). Per comodità potete usare i brodi Star in Blister, sono ottimi. In questo caso scegliete quello di carni miste. Se, diversamente, avete tempo, preparate voi un brodo con un pezzo di pollo , uno di carne e verdure con un pizzico di salo grosso.
Passati circa 18 minuti aggiungete gli stimmi di zafferano, salate quanto necessario.
A fuoco spento mantecate con il burro preparato precedentemente e il parmigiano. Far riposare e impiattare, ricordando che il risotto deve essere “all’onda”, cioè deve muoversi se oscillate il piatto. Deve essere disteso, non una mappazza a piramide. Stendere su ogni porzione la foglio di oro alimentare.

Namaste

Nadia

 

Pavlova ai frutti rossi. Dolce delle meraviglie

La Pavlova è uno dei dolci che preferisco presentare e servire perché è delizioso e scenografico. Mi piace molto anche in mono porzione. La caratteristica di questo dolce è che la meringa risulta croccante esternamente e morbida internamente.

Occorrente:

Per la meringa:
6 albumi
250g di zucchero
1 cucchiaio di aceto di mele
15g di maizena
2g di cremor tartaro

Per decorare:
500ml di panna da montare
30g di zucchero a velo
400g di frutti di bosco , 50g di zucchero, chicchi di melograno

Read More…

Ristoranti Cinesi a Milano. La mia Top 5

La cucina cinese è una delle mie preferite. Un trionfo di sapori e di consistenze, leggera se sapete dove andare per evitare orribili fritti e piatti che sanno solo di soia. Milano offre svariate possibilità, dalle più economiche alle meno accessibili. Cinese ormai non è più sinonimo di bassa qualità e basso costo. Al bando le nuvole di drago e gli involtini primavera surgelati e via libera a ricette che fino a qualche anno fa, in Italia, era impensabile trovare. Sono stata personalmente in tutti i ristoranti cinesi che troverete in questa mia Top 5. Potete fidarvi. Io scrivo solo di cose e posti che mi piacciono, non voglio prendere in giro nessuno.

Read More…

Mangiare bene. China Town Milano

In una mia  vita precedente  sono sicuramente stata una donna orientale perchè adoro la cultura, il cibo e la religione buddista che pratico in questa vita. In qualsiasi posto del mondo mi trovi cerco sempre i migliori ristoranti: cinesi, giapponesi, thai, koreani e indonesiani. Trovo che la cucina orientale abbia in sé qualcosa di magico e terribilmente salubre. Sarà forse per questo che non esistono praticamente orientali in sovrappeso e sono tutti longevi Read More…

Meatball Family Street Gourmet. Eccezziunale veramente

Dopo tre anni dalla prima apertura del ristorante Meatball Family in Via Vigevano a Milano, Diego Abatantuono e i suoi amici hanno inaugurato ieri il loro nuovo punto gourmet in Stazione Centrale. Il Meatball Family Street Gourmet un nuovo format a metà tra il take away e la ristorazione tradizionale. Meatball Family e’ un idea che prende le mosse dall’antica tradizione culinaria italiana. L’arredamento e lo stile del locale rievocano gli ambienti dei grandi format della ristorazione degli Stati Uniti e del Canada, pensato e realizzato dalla giovane e talentuosa Architetto Alessandra Bartali. Bellissimo il pavimento chevron bianco e rosso  che viene ripreso anche nei tovaglioli. Però le ricette, le materie prime e i vini di altissima qualita’, sono tipicamente del Bel Paese.  Read More…