Halloween. Idee per la festa .

Se non fosse stato per la migrazione in Italia, negli anni 80, delle modelle americane, noi probabilmente non festeggeremmo questa bizzarra ricorrenza pagana. A noi bastava il Carnevale! Ma ormai la abbiamo adottato Halloween e il 31 Ottobre, vigilia di Ognissanti, in tutta Italia impazzano feste più o meno paurose per tutte le età. Confesso che vedere in giro per Milano piccole streghette e mostruosi piccoli Dracula mi rallegra moltissimo. Quindi prepariamoci tenendo in casa dolcetti e caramelle per accogliere i bimbi del nostro quartiere che busseranno alla porta per il “Trick or Treat ?” ovvero “Dolcetto o Scherzetto?” . Poi, una volta evitato lo scherzetto, possiamo prepararci per festeggiare con gli amici il secondo Carnevale dell’anno. Ho preparato alcune idee che potete fare vostre per la tavola, il menù, i costumi e il trucco. Siate spaventosi, ne vale la pena, almeno per una notte

Brano consigliato durante la lettura: “Thriller” Michael Jackson

 

Travestimento da Wednesday Addams

Travestimento da Wednesday Addams

makeup allover

makeup allover

Per questi scary hot dog basta qualche incisone sul wurstel e tanto Ketchup e il mostro che è in voi può rifocillarsi

Per questi scary hot dog basta qualche incisone sul wurstel e tanto Ketchup e il mostro che è in voi può rifocillarsi

La tavola del Conte Dracula

La tavola del Conte Dracula

000d179adadab026fef593a618175d1d

Centro tavola

Cup Cake sanguinolento

Cup Cake sanguinolento

mano morta come posto tavola

mano morta come posto tavola

 

Zucca pipistrello. basta una piccola zucca e del cartoncino nero

Zucca pipistrello. basta una piccola zucca e del cartoncino nero

Immagini courtesy nadia Giani e Pinterest. Tutti i diritti sono riservati

Toosh. L’eco Shatoosh da avere addosso

Con l’arrivo dei primi freddi, la voglia di avere qualcosa di caldo, morbido, leggero come una piuma, intorno al collo ha messo in moto i miei neuroni fino a quando non ho trovato la stola dei sogni. Toosh, identico a uno  shatoosh per  caratteristiche di qualità, misura, peso e sofficità, oltre alla fattura artigianale tipica della manodopera indiana e nepalese. Un classico, diventato un vero e proprio oggetto del desiderio. La collezione si sviluppa in tre differenti armature di stole, tutte in 100% cashmere. Si va dal twill la qualità più pesante, con armatura fitta e ideale per le giornate più fredde, passando per la garza, leggermente più rada, perfetta per le mezze stagioni, fino al voile, leggero e delicato, molto apprezzato per la sua eleganza e leggiadria, un’affascinante “nuvola di cashmere”. Anche Michelle Obama è una addicted di Toosh, che indossa durante i suoi spostamenti su Airforce one. Avendo anche io aspirazioni da First Lady, non ho potuto rinunciare all’acquisto. Anche Beatrice Borromeo e Pierre Casiraghi hanno scelto le morbide stole di Toosh come regalo per gli ospiti del loro matrimonio . L’unico problema è la scelta: Toosh vanta una quantità infinita di tinte unite e, ogni stagione, elabora nuove fantasie. Andate in Vivaio 4 e fatevi sedurre. Buono shopping!

Brano consigliato durante la lettura: “Baby it’s cold outside” Idina Menzel Michael Bublè

info: Toosh  Via Vivaio 4 Milano +39 02 79 60 37  da lunerdi a venerdì dalle 9,30 alle 18

Instagram: @tooshscarves

IMG - TOOSH 1

Michelle Obama indossa Toosh

Michelle Obama indossa Toosh

Lapo-Elkann-ammirando-la-sciarpa-di-TOOSH

Lapo Elkann e Toosh al matrimonio di Beatrice Borromeo e Pierre Casiraghi

New Tentacoli,cucina casalinga al top

Ho scoperto per caso questo ristorante, davanti al quale sarò passata almeno migliaia di volte in auto. A porta Romana, in Via Giulio Romano 11 con 4 grandi vetrine, uno spazioso dehor e 90 posti a sedere divisi su tre sale. Dal 1987 la famiglia Martino ha aperto  un ristorante a conduzione famigliare dove le materie prime di altissima qualità sono protagoniste di piatti tipici della cucina campana e pugliese. Gegè Martino e lo chef Antonio, danno vita a ricette semplici ma sempre di grande efficacia sia alla vista che al palato. Pesce crudo freschissimo, carne che sembra burro, tartufo di Norcia, funghi porcini e tutto il meglio che le stagioni e il mercato offrono vengono cucinati senza troppi fronzoli o addittivi tipo dadi e altre chimicherie. Read More…

Aneurisma cerebrale. Gala benefico per la ricerca

L’aneurisma cerebrale è una di quelle patologie che, fino a quando non ci tocca da vicino, tendiamo a non considerare. Eppure i casi in Italia sono in aumento, probabilmente scatenati da uno stile di vita poco corretto. Infatti, fra le cause di rischio maggiori troviamo : eccesso di fumo e alcool, ipertentensione, diminuzione del livello di estrogeni dopo la meno pausa, ereditarietà etc. Cos’è’l aneurisma? L’aneurisma cerebrale è un rigonfiamento di un vaso sanguigno del cervello, nella maggior parte dei casi assomiglia a una specie di bacca che cresce a partenza dal vaso-una sorta di bolla. L’aneurisma può rompersi, causando un’emorragia (ictus emorragico); nella maggior parte dei casi l’aneurisma si sviluppa e si rompe nello spazio tra il cervello e le membrane che lo avvolgono. La rottura di un aneurisma è una situazione molto rischiosa che richiede un immediato intervento medico. Non sono purtroppo note le cause che determinano la rottura degli aneurismi cerebrali. Read More…

BGY. La borsa che si trasforma

BGY, per tutte le donne che viaggiano, rappresenta la sigla dell’Aeroporto di Bergamo Orio al Serio, luogo dove le ideatrici di questo progetto di stile, Laura e Paola Corna e la stilista Antonella Mora, si sono incontrate dando vita alle borse trasformabili che hanno preso il nome dall’Aereostazione bergamasca. BGY handbags realizza finalmente il sogno di ogni donna e crea borse trasformabili uniche e originali: cambiando e piegando i diversi componenti le creazioni si trasformano da eleganti bauletti adatti all’ufficio a sfiziose tracolle da indossare per una serata tra amiche. Modelli innovativi creati pensando alle donne moderne sempre in movimento che hanno bisogno di accessori pratici e che cambino a seconda delle occasioni e necessità.  Read More…